International version

ALLA CITTA' GAUDENTE

( Finestrone 1)

Queste sono le parole che il Signore ha rivolto a Marcello, nel tredicesimo e quattordicesimo giorno del settimo mese dell'anno millenovecentonovantacinque:

<< Ed ora a te città gaudente, regina delle prostituzioni !
Ascoltate la parola del Signore,
perfino nel santuario si piangono adoni.
Donne, donne che ne sarà dei vostri lombi ?
Dice il Signore, Dio degli eserciti.
Donne, puntigliose e baldanzose, il cavallo dentro le porte, partorirà stalloni virulenti.
Si crederanno guerrieri, ma fenderanno solo coi loro membri.
Donne, donne spensierate e vanitose, non vorrete piu' scoprire le vostre nudità per attirare bruti bavosi; ma il furore virulento vi scoprirà, sbatterà e feconderà di paglia.
Oracolo del Signore.
Alzatevi donne, sbattete le mani sui vostri petti e piangete piuttosto di lutto e di angoscia.
Una grave ferita sanguinente è stata inflitta alla figlia di Sion, dai cui occhi giorno e notte stillano lacrime. >>
 
Nel nome del Signore degli Eserciti parla ancora contro la grande città:
 
<< Andate, andate per le strade di Roma e se uno, uno ne trovate, io la perdonerò.
Non c' è piu' un giusto tra gli uomini ! Io dicevo, andrò dai grandi, forse lì troverò uno che sappia di Dio. Anche se dicono di Dio, non sono suoi. Perchè hanno indurito il loro cuore e le loro menti sono contumaci.
Così dice il Signore.
Dal più piccolo al più grande tutti ordiscono frode.
Come da un pozzo scaturisce acqua, dalla città scaturisce iniquità.
Il mio sdegno è grande, dove lo riverserò ?
Come non potrò riversarlo dal lattante al canuto ? Chi potrà fermare la mia mano contro l'ingiustizia, l' infedeltà ? Nessuno si prende a cuore la causa del povero.
Tutti sono come stalloni focosi che nitriscono dietro la donna del fratello.
Ma ecco che i veri cavalli, quelli montati da guerrieri crudeli e vittoriosi, scalpitano contro e verso di voi.
Un bastione hanno eretto e lì si prepara la guerra santa.
 
A te casa d'Israele e a te casa di Pietro mi rivolgo.
Perchè dite: "La parola dei profeti è come il vento passato ?"
Perchè dite:  "Pace, libertà, benessere", quando queste cose non ci sono e non potranno essere?
Guerra oppressione e fame, io manderò allora sulle vostre nazioni.
Oracolo del Signore.
Odi, oh terra, dov'è la tua salvezza ? A Papeete o nel Papa forse ?!
Io, faccio piovere secondo le stagioni, Io, ho creato la semina e la vendemmia; ma voi siete solo capaci di ubriacarvi delle vostre idee.
I vostri iniqui pensieri hanno sconvolto tutte le cose belle da me, per voi create.
Ed è per questo che sventura e terrore arriveranno su di voi. Non ricercate le vie antiche e vi preparate i vostri sepolcri.
Oracolo del Signore.
Ma non ancora fino in fondo sterminerò, non ancora. Scappa Beniamino, divincola le tue braccia da quei preti e frati che ti vogliono trattenere dentro la porta della città, piena di adulterio e abominio.
Corri, non a destra, nè a sinistra, ma sulla strada di Girolamo ti aspetterò. (1)
Oracolo del Signore. >>


(1) San Girolamo lasciò la corte papale di Roma per inoltrarsi sulla via della perfezione spirituale. Ritiratosi per lunghi periodi nel deserto, curò la traduzione della Bibbia in latino, la famosissima Vulgata che fu per oltre un millennio la Bibbia universalmente riconosciuta e adottata da tutta la Chiesa.


San Girolamo (Caravaggio) rappresentato con un teschio simbolo della
vanità del mondo, della morte, della precarietà della vita e della penitenza.

 

 

Libri su un'opera profetica sorta da oltre trent'anni in Assisi, che coinvolgerà il mondo.

 

Profezia PapaIndice
 

HomePage